TEMI

Alga clorella: benefici di questo importante integratore

Alga clorella: benefici di questo importante integratore


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

L’alga clorella è un genere di alghe verdi appartenenti alla famiglia delle Chlorellaceae, che si trovano singolarmente o in gruppi, in acqua dolce o in acqua salata. La pianta clorella è utilizzata generalmente per la realizzazione di integratori alimentari e medicinali naturali non tutti sanno che questa alga è “cugina” della spirulina, altro elemento piuttosto noto nelle recenti abitudini integrative degli italiani.

Ma quali sono i benefici dell’alga clorella per il proprio organismo? Perché sempre più frequentemente l’alga clorella viene ricercata e acquistata?

In sintesi, e prima di comprendere in maniera più dettagliata quali sono i benefici di questa importante alga, possiamo già premettere che numerosi studi hanno dimostrato che l’alga clorella è in grado di sostenere la funzione ormonale, promuovere la salute cardiovascolare, contribuire ad attenuare gli effetti negativi della chemioterapia e della radioterapia, abbassare la pressione sanguigna e il colesterolo, e aiutare nella disintossicazione del nostro corpo.

L’alga clorella è inoltre stata utilizzata per cercare di trattare o prevenire attacchi d’asma, alito cattivo, fibromialgia, sindrome premestruale e, di contro, rafforzare i livelli di energia, disintossicare il corpo e migliorare la funzione mentale. Non male, no?

Cerchiamo di saperne di più, esaminando i principali benefici della clorella!

Disintossica dai metalli pesanti

Se mangi regolarmente pesce, o magari hai consumato altri alimenti che contengono dei metalli, sappi che puoi garantirti una migliore salute e un maggiore benessere generale grazie all’efffetto di disintossicazione che viene esercitato proprio dalla clorella.

L’alga clorella è in grado di “avvolgere” anche le tossine più ostinate che risiedono nel nostro corpo, come il piombo, il cadmio, il mercurio e l’uranio, impedendo loro di essere riassorbiti dall’organismo. Insomma, il consumo regolare di clorella può aiutare a un effetto disintossicante contro questi elementi nocivi.

Disintossica in caso di trattamenti nocivi

Come noto, la radioterapia e la chemioterapia sono oggi le forme più comuni di trattamento del cancro. E, purtroppo, chiunque sia passato attraverso uno di questi trattamenti, o conosce qualcuno che sia passato attraverso tali trattamenti, sa che pedaggio richiedono di pagare, e quali effetti pregiudizievoli siano prodotti sul corpo. Gli alti livelli di clorofilla della clorella hanno invece fortunatamente dimostrato di proteggere il corpo dai trattamenti con radiazioni, rimuovendo le particelle nocive dal corpo.

Secondo i ricercatori del Virginia Commonwealth University Medical College, in particolar modo, i componenti cellulari e le funzioni del sistema immunitario rimangono a livelli normali o vicini alla norma, e sono meno colpiti, nel caso in cui i pazienti siano sottoposti a chemioterapia e/o assumono farmaci immunosoppressivi come gli steroidi. Lo studio dell’università ha permesso ai ricercatori di osservare che i pazienti glioma-positivi hanno meno infezioni respiratorie e malattie simil-influenzali quando assumono clorella.

Supporta il sistema immunitario

Una ricerca pubblicata qualche anno fa sul Nutrition Journal ha scoperto che dopo 8 settimane di assunzione di clorella, l’attività cellulare è complessivamente migliorata. I ricercatori della Yonsei University di Seoul Corea hanno studiato un campione di individui sani e la risposta del loro sistema immunitario agli integratori di clorella, con risultati particolarmente positivi, tanto da aver concluso che la clorella sia in grado di supportare una risposta sana del sistema immunitario e aiuta l’attività cellulare “natural killer“.

Promuove la perdita di peso

Perdere peso è difficile, soprattutto con l’avanzare dell’età. In uno studio pubblicato sul Journal of Medicinal Food, tuttavia, i ricercatori hanno una buona notizia per tutti noi, e affermano infatti che l’assunzione di clorella può portare a notevoli riduzioni della percentuale di grasso corporeo, del colesterolo totale nel sangue e dei livelli di glucosio a digiuno.

La clorella avvantaggia il nostro organismo aiutandoci a regolare gli ormoni, sostenendo positivamente il metabolismo, migliorando la circolazione sanguigna e promuovendo livelli più elevati di energia. Aiuta anche a ridurre il peso e il grasso corporeo e rimuove le tossine immagazzinate.

Ricordiamo infatti che quando il nostro corpo perde peso, le tossine vengono rilasciate dall’organismo e possono essere riassorbite. È dunque importante eliminare queste tossine dal nostro sistema il più rapidamente possibile, impedendo l’attivazione della già rammentata fase di riassorbimento. La capacità della clorella di circondare le tossine e i metalli pesanti presenti nel nostro corpo aiuta a facilitare l’eliminazione e a prevenire il riassorbimento.

Fa sembrare la pelle più giovane

Come se non bastassero i vantaggi di cui sopra, rammentiamo altresì che la clorella ha dei benefici anche per la pelle! Diverse ricerche hanno dimostrato che la clorella può rallentare il processo di invecchiamento, facendoci sembrare un po’ più giovani. In particolare, uno studio pubblicato sulla rivista Clinical Laboratory ha scoperto che la clorella riduce notevolmente lo stress ossidativo, che può essere causato da inquinamento, da stress e da una dieta povera.

Il motivo per cui la clorella è così efficace nel ringiovanire la pelle è semplice: aumenta naturalmente i livelli di vitamina A, di vitamina C e di glutatione nel corpo, e aiuta a eliminare i radicali liberi. È sufficiente un solo cucchiaino da tè o un paio di capsule al giorno di un integratore a base di clorella, per poter ammirare i risultati positivi in appena due settimane.


Video: Omega 3, come agiscono e differenze tra farmaci e integratori dal punto di vista clinico (Potrebbe 2022).