NOTIZIA

Oltre 140 globicefali muoiono in una catena "straziante" in Nuova Zelanda

Oltre 140 globicefali muoiono in una catena


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Un escursionista accampato sulla remota isola di Stewart ha avvertito le autorità della scoperta.

Più di 140 globicefali sono morti su una remota spiaggia della Nuova Zelanda, l'ultima di una recente serie di spiaggiamenti di balene e morti nel paese.

Sabato notte, il Department of Conservation [DoC] è stato informato di un gran numero di balene bloccate a Mason Bay sull'isola di Stewart.

Un escursionista accampato in una località remota ha raccontato alle autorità della tragedia, con il numero di balene pari a due baccelli.

Il responsabile delle operazioni di DOC Rakiura Ren Leppens ha detto che almeno la metà delle balene erano morte quando il personale è arrivato sulla scena.

“Sfortunatamente, la probabilità di riuscire a ingrassare con successo le balene rimanenti era estremamente bassa. "La posizione remota, la mancanza di personale nelle vicinanze e il deterioramento delle condizioni delle balene significava che la cosa più umana da fare era l'eutanasia", ha detto Leppens. "Tuttavia, è sempre una decisione straziante".

La tribù Maori locale, Ngāi Tahu, sta ora collaborando con il DOC per benedire le balene morte e fare piani per la sepoltura dei corpi.

Gli spiaggiamenti marini sono comuni in Nuova Zelanda e il paese è un "punto caldo", secondo il DOC, che risponde a circa 85 incidenti all'anno, che di solito coinvolgono singoli animali.

Dal 1840 sono stati registrati più di 5.000 spiaggiamenti lungo la costa della Nuova Zelanda.

Secondo il DOC, le ragioni dello spiaggiamento delle balene non sono completamente comprese, ma i fattori che contribuiscono possono includere "malattia, errore di navigazione, caratteristiche geografiche, una marea che cala rapidamente, essere inseguiti da un predatore o condizioni meteorologiche estreme".

Il progetto Jonah, un gruppo di salvataggio delle balene, afferma che la Nuova Zelanda ha uno dei più alti tassi di spiaggiamento di balene al mondo, con una media di 300 balene e delfini che variano ogni anno.

Una serie di spiaggiamenti di globicefali si sono verificati durante il fine settimana in Nuova Zelanda, ma finora si ritiene che gli incidenti non siano correlati.

Otto balene pigmee rimangono bloccate su una spiaggia di 90 miglia nel Northland, e altre due dalla stessa capsula sono state soppresse durante il fine settimana.

Un capodoglio maschio di 15 metri si è arenato ed è morto a Doubtful Sound sabato, mentre una femmina di capodoglio pigmeo è morta a Ohiwa durante il fine settimana.

L'anno scorso, più di 400 globicefali sono rimasti bloccati a Golden Bay, la più grande catena di balene nella storia della Nuova Zelanda. Sebbene centinaia di persone del luogo abbiano partecipato a uno sforzo di salvataggio civile di massa, più di 300 balene sono state uccise.

Articolo originale (in inglese)


Video: Animali dopo la Morte (Luglio 2022).


Commenti:

  1. Wadanhyll

    Un pensiero molto prezioso

  2. Yojin

    Hai torto. Scrivimi in PM, parleremo.

  3. Chevalier

    la risposta Competente, in modo seducente...

  4. Buddy

    Mi scusi per quello che devo intervenire ... situazione simile. Invito del forum. Scrivi qui o in PM.

  5. Dobar

    Non una parola di più!

  6. Pereteanu

    A volte le cose accadono e peggio



Scrivi un messaggio