TEMI

Il mondo che lasciamo ai bambini

Il mondo che lasciamo ai bambini


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La storia dell'uomo come abitante di questo pianeta è molto breve, solo poche centinaia di migliaia di anni, quando si stima che ci sia stata vita sulla Terra per centinaia di milioni. Tuttavia, nonostante sia una specie relativamente nuova, ha avuto una crescita demografica tale che se fosse un'altra specie parleremmo con grande preoccupazione di una piaga devastante.

Il fatto è che non solo stiamo crescendo demograficamente, ma anche, in misura ancora maggiore, stiamo crescendo geograficamente.

Ogni giorno utilizziamo un'area più ampia per le nostre città, i nostri raccolti, le nostre strade oi nostri rifiuti.

L'acqua che non beviamo, la inquiniamo; Non mangiamo erba, ma la copriamo di cemento o la fumigiamo e non la lasciamo crescere; Poiché non possiamo respirare tutto l'ossigeno del pianeta, creiamo macchine che ci aiutano a estinguerlo completamente.

La Terra è un essere vivente, ha bisogno di respirare e noi non lo permettiamo.

Certo, abbiamo la possibilità di toglierci la colpa e dire che non abbiamo fatto niente di tutto questo, che il mondo si è sviluppato in questo modo da centinaia di anni e che quando siamo arrivati, era già così. Tutti questi sono argomenti veri, logici e inconfutabili.

Tutti noi, però, abbiamo una responsabilità dalla quale non possiamo sottrarci, una responsabilità certa come gli argomenti precedenti, che è quella di spiegare ai nostri figli quello che abbiamo fatto perché possano vivere in un mondo migliore del nostro.

Perché se vogliamo essere in grado di guardare un bambino negli occhi senza colpa, dobbiamo prima fare uno sforzo per rendere il suo mondo migliore del nostro e smettere di contribuire affinché la vita su questo pianeta diventi sempre più insostenibile.

Io, da parte mia, voglio poter guardare i miei figli negli occhi, con la tranquillità che dal mio posto, oltre i miei limiti di tempo, denaro, salute o qualsiasi altra natura, faccio ogni giorno tutto ciò che Posso, in modo che vivano in un mondo di pace, solidarietà, giustizia, uguaglianza, rispetto per la diversità e l'ambiente. Un mondo molto migliore in cui devo vivere, anche se lo stato in cui si trova non è colpa mia. Perché sarò responsabile dello stato in cui si trova quando lo lascerò.

Ognuno di noi sarà responsabile del mondo che lasciamo ai nostri figli, ma dobbiamo capire che non basta usare meno acqua, usare detersivi biodegradabili o la bici al posto dell'auto. Tutto ciò va bene ed è utile, ma solo se partecipiamo attivamente anche ad Organizzazioni, Collettivi, Scuole, Marche, Colloqui, Forum o qualsiasi altra forma di espressione della Società Civile in modo che il nostro impegno cessi di essere una mera somma di volontà e sia diventare un movimento abbastanza forte da influenzare il corso dello sviluppo umano. Dobbiamo farlo per guardare un bambino negli occhi.

Ricardo Natalichio
la direttrice
www.EcoPortal.net


Video: ULTIMO - 15 - FARFALLA BIANCA PIANO LIVE VERSION (Potrebbe 2022).